· Città del Vaticano ·

Dolore per l’uccisione di padre Olivier Maire

Un uomo buono e un pastore generoso

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
10 agosto 2021
«Un uomo generoso, sempre disponibile, dotato di un grande senso dell’accoglienza, dell’incontro e del dono di sé»: sono parole del vicario generale della Compagnia di Maria, padre Jean-Charles Wismick, per descrivere al nostro giornale la figura di padre Olivier Maire, ucciso ieri 10 agosto a Saint-Laurent-sur-Sèvre, in Francia. Il corpo del superiore provinciale dei padri monfortani è stato ritrovato su segnalazione di un uomo presentatosi alla gendarmeria confessando l’omicidio del sacerdote: è il ruandese Emmanuel Abayisenga, già sotto controllo giudiziario per l’incendio doloso della cattedrale di Nantes compiuto il 18 luglio 2020. All’epoca era volontario della diocesi di Luçon, apprezzato e benvoluto dalla parrocchia che lo aveva accolto proprio grazie a padre Olivier. Maire, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno