· Città del Vaticano ·

La buona Notizia Il Vangelo della Solennità dell’Assunzione della Beata Vergine Maria (Luca 1, 39-56)

Restituire il Magnificat alle strade della nostra quotidianità ferita

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
10 agosto 2021
In certi momenti particolari della vita, una donna cerca sempre un’altra donna. Così fa Maria nel brano evangelico di questa domenica: va dalla cugina Elisabetta per raccontarle della sua maternità inaspettata e straordinaria. Sembra quasi di vederla mentre si alza e si mette in cammino per le montagne, piena di entusiasmo e con la fretta della gioventù. Una di fronte all’altra e insieme di fronte al mistero della vita, le due madri si guardano, si parlano e si riconoscono come benedette. Legate, esse possono tornare al mondo dell’intimità singolare nel quale ognuna sente muovere il proprio bambino sotto lo sguardo di Dio. In questa cornice risuona il Magnificat. Qui Maria non chiude le sue emozioni in una storia privata. Le sue parole si legano infatti a quelle di un’altra madre biblica — Anna, madre di ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno