· Città del Vaticano ·

La proposta della parrocchia di Ulassai, nel cuore montuoso della Sardegna

Quel cielo disegnato dal vento Quell’arte che lega l’uomo all’uomo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
10 agosto 2021
Per la prima volta nella sua storia la piccola parrocchia di Ulassai, nel cuore montuoso della Sardegna, si fa promotrice di un festival capace di tessere legami fra persone e istituzioni nel segno di Maria Lai, artista singolarissima che qui ebbe i suoi natali. Giornate dedicate a ripercorrerne il percorso e ad abitarne l’eredità. Come spesso accade, infatti, solo il tempo rivela la qualità autentica di una profezia. Difficile per i profeti essere compresi nella propria patria e arduo per la Chiesa, come per ogni comunità umana, trovare sintonia immediata e unanime con i linguaggi più nuovi del proprio tempo, specie in una modernità avanzata, impertinente, sovversiva, tanto lontana dalle forme della tradizione. Il merito di don Roberto Corongiu, giovane parroco di Ulassai, è quello di avere ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno