· Città del Vaticano ·

Un nuovo contratto sociale per i popoli autoctoni

09 agosto 2021
Rappresentano il 6,2 per cento della popolazione mondiale, sono solo 476 milioni di persone sparse in 90 Paesi ma custodiscono un’immensa diversità culturale, tradizioni, lingue e conoscenze uniche oltre ad un legame strettissimo con la terra. Hanno una concezione della natura, dell’agricoltura, dello sviluppo economico e delle priorità della vita fondate su una visione del mondo particolare. Sono i popoli autoctoni, un pugno di persone a rischio estinzione, e più esposte alla povertà estrema di qualsiasi altro popolo. Il 47 per cento di loro non ha studiato (contro il 17 per cento dei non autoctoni), una percentuale che cresce tra le donne. L’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha dichiarato che i popoli autoctoni sono «la bussola morale dell’umanità» ma questo non li preserva dalla ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno