· Città del Vaticano ·

Per fermare i combattimenti e soccorrere la popolazione

Etiopia: urge un’azione diplomatica multilaterale

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
09 agosto 2021
Le notizie che giungono dall’Etiopia sono sempre più allarmanti. Il governo di Addis Abeba ha infatti dichiarato che potrebbe schierare «la sua intera capacità difensiva» per fermare l’avanzata dei ribelli del Fronte Popolare di Liberazione del Tigray (Flpt) in territorio Amhara e nell’Afar, considerando che le aperture umanitarie nei confronti della popolazione del Tigray, dichiarate alcune settimane fa in un cessate il fuoco unilaterale, non sarebbero state corrisposte. La dice lunga il fatto che le forze antigovernative abbiano preso il controllo di Lalibela, città santa della Chiesa ortodossa etiopica, ma anche capolavoro d’arte, cultura e architettura, patrimonio mondiale dell’Unesco. Un centro spirituale, secondo solo ad Axum, nella regione degli Amhara. È evidente che lo scenario è ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno