· Città del Vaticano ·

Dalle strade bianche del Carchi

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
09 agosto 2021
La leggenda di molti ciclisti parte da lontano, dai primi giri su tricicli e mezzi affini nel cortile di casa o per le strade del paese. Pochi però, possono dire di partire da lontano come Richard Carapaz, lo scalatore venuto dall’Ecuador, che ha cominciato a pedalare sulle strade bianche della regione del Carchi, con una vecchia mountain bike trovata dal padre in una discarica. Trascorsi più di vent’anni da quest’umile inizio, dopo essersi imposto prima come giovane promessa e poi come grande protagonista è arrivato a Tokyo 2020, una sola settimana dopo aver concluso un Tour de France sul podio. Sul caldissimo e infinito percorso olimpico è riuscito a vincere la prima medaglia d’oro nel ciclismo su strada per il suo Paese, nonché seconda in tutta la storia della nazione equatoriale. Le scene di festa ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno