· Città del Vaticano ·

La partita politica del nucleare civile

L’altra faccia dell’atomo

06 agosto 2021
Nel 1957 un lungometraggio Disney intitolato Our friend the atom (“Il nostro amico atomo”) illustrava ai bimbi americani che cosa fosse l’energia atomica. Il cartone era una mossa di propaganda interna dell’amministrazione Eisenhower nel contesto dell’iniziativa «Atoms for Peace», ma ebbe il merito di spiegare ai piccoli che l’energia atomica poteva essere usata per migliorare la vita delle persone. In altre parole, spiegava gli usi civili dell’energia atomica da sviluppare nel futuro. Con il passare del tempo, le stesse generazioni che videro lo scienziato Heinz Haber rappresentare l’atomo come un genio della lampada, videro anche l’altra faccia della medaglia: i disastri di Three Mile Island nel 1979 e di Chernobyl nel 1986. L’obiettivo della presidenza Eisenhower era però raggiunto: l’industria del nucleare civile, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno