· Città del Vaticano ·

Rete e sicurezza

Gli arrembaggi globali dei cybercorsari

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
06 agosto 2021
Interrogata dalla stampa se i cybercorsari fossero in grado di spengere la rete nazionale della distribuzione elettrica statunitense, la segretaria all’energia Jennifer Granholm non ha esitato, ghiacciando gli astanti: «Sì. Possono farlo». Era il 6 giugno scorso. Gli Usa avevano appena subito un pesantissimo doppio colpo. Prima la paralisi della rete di distribuzione del carburante della costa ovest, a maggio. Poi, il due giugno l’attacco ad una delle più grandi imprese brasiliane per la lavorazione della carne, dall’allevamento, al mattatoio, alla trasformazione fino alle tavole ed ai ristoranti statunitensi. Aeroporti fermi, pompe di benzina a secco, l’alimento base della dieta nordamericana in procinto di sparire dalle tavole e dal poderoso circuito economico per il quale è oro. Il senso della ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno