· Città del Vaticano ·

A colloquio con Simone Cristicchi

Siamo fatti per le stelle

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
05 agosto 2021
«Ti sei mai guardato dentro? Ti sei mai chiesto del tuo desiderio profondo? La nostalgia che si nasconde dentro di te? Che cosa ti abita?». Per rispondere ai suoi stessi interrogativi Simone Cristicchi, musicista romano classe 1977, ha deciso di scendere negli inferi di Dante riemergendone in un cammino di vita e speranza che lo porta fino al 33° Canto del Paradiso dantesco: tutto questo avviene sulla scena di Paradiso, dalle tenebre alla luce, uno spettacolo di teatro-canzone appena portato sul palco della Festa del Teatro di San Miniato con repliche a Faenza, Forlì, Follonica, Pistoia, Chiusi prima di una prevedibile ripresa nei teatri nel periodo autunno-inverno. Vincitore a Sanremo 2007 con una canzone che raccontava in filigrana una storia d’amore nata in un ospedale psichiatrico («Ti regalerò ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno