· Città del Vaticano ·

I due gruppi umanitari accusati di disinformazione

L’Etiopia sospende le attività di Msf e Nrc

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
05 agosto 2021
Addis Abeba , 5. Si riducono gli spiragli di speranza per la popolazione del Tigray stremata da oltre otto mesi di conflitto, senza cibo né medicine. Il governo dell’Etiopia ha deciso di sospendere, per tre mesi, le operazioni di Medici senza frontiere (Msf) e del Consiglio norvegese per i rifugiati (Nrc) che lavorano nella regione settentrionale del Tigray, nel pieno di una drammatica emergenza umanitaria, aggravata dalla carestia. Secondo le autorità etiopiche, il personale delle due organizzazioni umanitarie internazionali ha contribuito a diffondere «false informazioni sui social network» sul conflitto in corso da novembre 2020 tra il governo centrale di Addis Abeba e il Fronte di liberazione popolare del Tigray (Tplf). I due gruppi sono inoltre accusati di aver assunto personale straniero senza regolare ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno