· Città del Vaticano ·

Spunti di riflessione

Il nostro destino

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
05 agosto 2021
U n titolo di giornale attira la mia attenzione: «Se rivolgersi al Cielo viola la Costituzione». È accaduto in America. Un giudice federale ha intimato alle autorità di una scuola di rimuovere una preghiera affissa su un muro, che cominciava così: «Nostro padre celeste...». È vietato dalla Costituzione! Ma oggi noi siamo espressamente invitati a rivolgere il nostro sguardo al cielo, dove Maria è stata innalzata in anima e corpo; e noi dobbiamo vivere «costantemente rivolti ai beni eterni, per condividere la stessa gloria» (Colletta). È proprio questo il senso della festa che celebriamo nel cuore dell’estate. Viviamo distratti, rispetto alle cose della fede; siamo tutti occupati a risolvere i tanti problemi che affliggono la nostra vita; la famiglia, la ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno