· Città del Vaticano ·

Quando l’estate diventa un tempo favorevole per scoprire la vita monastica

All’ombra del chiostro

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
04 agosto 2021
L’estate come ouverture dell’amore sponsale con Dio. Non di rado infatti la scoperta, il confronto e il discernimento per il fiat alla vita contemplativa matura in questa stagione. Una voce inconfondibile risveglia l’amata e la crisalide brama la metamorfosi in farfalla. E questo è un tempo caratterizzato da evocativi segni di vita consacrata. Il viaggiare — nel prolungamento della primavera — delle innamorate, alla ricerca dell’umbratilis vita, la vita nell’ombra. «L’estate — spiega madre Rosaria Spreafico, superiora delle trappiste di Vitorchiano (Viterbo) — è un momento favorevole per trascorrere un tempo nella foresteria del monastero, perché le giovani sono libere da impegni di studio o lavoro, ma generalmente quando una di loro arriva qui per trascorrere un tempo con noi, il discernimento vocazionale ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno