· Città del Vaticano ·

Pizze fritte e moussaka
contro il pregiudizio

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
03 agosto 2021
Una baracca che si trasforma in un’associazione che si trasforma in un’impresa sociale che si trasforma in un ristorante. Una favola anche questa, a suo modo, in cui ci sono percorsi lunghi e faticosi da affrontare, mostri da sconfiggere, passi avanti e passi indietro e tanta determinazione. Ci troviamo a Scampia, il quartiere a nord di Napoli reso famoso dal film e dalla serie televisiva Gomorra e, nell’immaginario collettivo, sede di tutte le possibili malefatte e di altrettanti pregiudizi. Per la precisione, ci troviamo in un campo rom, la periferia della periferia, una realtà che rappresenta la quintessenza del pregiudizio e, perciò, di ancora più complicata gestione. Ma l’associazione «Chi rom e… chi no», nata nel 2002, ha una missione da compiere, abbattere discriminazioni e stereotipi, e pensa che ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno