· Città del Vaticano ·

Omelie che stendono

03 agosto 2021
C’è un testo degli Atti degli Apostoli che non si legge mai a messa. La mia ipotesi è che coloro che hanno scelto le letture fossero preti e abbiano omesso il testo come atto di clemenza nei confronti dei colleghi, per evitargli una giornata di presa in giro da parte dei fedeli. Prima del bellissimo discorso di Paolo ai presbiteri di Efeso, si narra dell’Apostolo che con una predica stende un ragazzo di nome Eutico. Non è una metafora! Al capitolo 20 si legge che Paolo si attarda a parlare durante la celebrazione e un ragazzo si addormenta e, essendo seduto alla finestra, cade e muore. Quello che mi stupisce ancora di più è che Paolo lo risuscita e poi va avanti a predicare fino all’alba. Cioè... come niente fosse! Se il Santo Padre dovesse leggere questo numero, mi permetto di sottoporre alla sua ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno