· Città del Vaticano ·

La Cina torna a chiudere Wuhan. In Myanmar collassa il sistema sanitario

L’Asia tra vaccini e variante

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
03 agosto 2021
Wuhan, 3. Come 17 mesi fa. La città di Wuhan, undici milioni di abitanti, un crocevia della vita economica della Cina, è al centro dell’allarme coronavirus. Torna il contagio nella versione della variante Delta, forgiata dalle mutazioni ai quattro angoli del pianeta, e la Cina blinda Wuhan ordinando il tracciamento di tutta la popolazione: la variante, contagiosissima, è rientrata attraverso gli spostamenti dei lavoratori. Il focolaio identificato, e del quale riferiscono le autorità, è di un residente più sei turisti. Pare poco, ma l’esperienza, anche quella degli altri, insegna. La corsa della variante è stata paragonata a quella degli incendi di questa estate 2021: inarrestabile. Inoltre la Delta “buca” i vaccini che, pure, la contengono. Senza i vaccini ad attenuare l’impatto dei ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno