· Città del Vaticano ·

Verso lo sciopero nella più grande miniera di rame del mondo

02 agosto 2021
Santiago del Cile, 2. La produzione mondiale di rame rischia di segnare una grave battuta di arresto e si teme un’impennata dei prezzi del metallo: gli oltre 2.000 dipendenti di Escondida, la più grande miniera a cielo aperto nel cuore del deserto del Cile, hanno già aderito alla proposta del sindacato di scioperare, considerando insoddisfacenti le proposte di miglioramenti salariali e delle condizioni di lavoro proposte dalla compagnia anglo-australiana BHP Billiton. La proposta di adesione allo sciopero sottoposta a votazione ha dato all’alba di ieri un risultato senza discussioni, con un 99,5% di sì (2.164 voti) e solo undici minatori che invece hanno mostrato disponibilità ad accettare l’offerta della compagnia. Dopo aver preso atto del risultato, i vertici di BHP Billiton hanno diffuso un ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno