· Città del Vaticano ·

George Harrison e l’album «All Things Must Pass»

La ricerca di un nuovo significato

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
31 luglio 2021
«Il mio amico è venuto da me / Con la tristezza negli occhi / Mi disse che cercava aiuto / Prima che il suo paese morisse». È la strofa introduttiva della canzone Bangla Desh di George Harrison, il primo 45 giri nella storia della musica registrato per una causa umanitaria e pubblicato il 29 luglio del 1971 a sostegno del concerto a favore del Bangladesh. Fu l’amico e musicista Ravi Shankar a informarlo riguardo l’emergenza umanitaria di quella porzione di mondo ignorata dal ricco Occidente. I fan dei Beatles associano l’Oriente a una canzone, Norvegian Wood, dove il suono del sitar s’intreccia con la melodia creata da Lennon e soci. Durante le riprese del film Help! dei quattro di Liverpool, nel set ambientato in un ristorante indiano, Harrison vide lo strumento a corde indiano. Lo porterà in studio per ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno