· Città del Vaticano ·

«Ecce Homo»: una mostra a Villa d’Este

Il divino nell’umano sfigurato

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
31 luglio 2021
Ciò che precede l’evento della morte in croce di Gesù di Nazaret è il tema della mostra di Villa d’Este a Tivoli «Ecce homo: l’incontro fra il divino e l’umano per una diversa antropologia». Incoazione, prolessi, imminenza colgono l’uomo della passione, frustato, schernito, sfigurato — di duemila anni fa e di ogni tempo, incluso il nostro — come entra nell’occhio dell’artista ed esce dalle sue mani, per offrirsi inerme a chi si ferma, guarda e pensa. Materiali e forme artistiche plurali pittura, scultura, fotografia, installazione compongono la galleria del dolore umano inciso nella figura di quell’uomo singolare, così unico da assumere i tratti di tutti, e perciò universale. Mescolanza e contaminazione non distraggono dal centro tematico del percorso; non appare sfuocata l’immagine che si ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno