· Città del Vaticano ·

Le prospettive del Paese dopo l’insediamento di Castillo come presidente

Tra critiche e tensioni il Perú guarda al futuro

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
30 luglio 2021
Nella data altamente simbolica del 28 luglio, duecentesimo anniversario dell’indipendenza del Perú, Pedro Castillo ha prestato il giuramento presidenziale, ultimando la transizione di potere con l’uscente capo di Stato ad interim Francisco Sagasti. L’ufficializzazione della carica di Castillo è arrivata a più di sei settimane dalle elezioni politiche, svoltesi lo scorso 6 luglio e vinte dal candidato di Perú libero con uno strettissimo margine (44.236 voti) sulla sfidante Keiko Fujimori. La complessità di questo passaggio di consegne risulta emblematica del momento di forte difficoltà attraversato dalla politica peruviana: Castillo è stato infatti riconosciuto come vincitore delle elezioni solo lo scorso 20 luglio, al termine della revisione dei voti condotta dal Tribunale Elettorale ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno