· Città del Vaticano ·

Crisi tunisina

Appelli a Saïed

30 luglio 2021
Tunisi, 30. Il leader del partito di maggioranza Ennahda, Rached Ghannouchi, rimosso dal presidente tunisino dalla guida del Parlamento, chiede il ritorno alla normalità istituzionale. Kaïd Saïed, ha detto, deve subito consultare i partiti per indicare un nuovo governo, al posto di quello da lui destituito. E lasciare che l’esecutivo si presenti al Parlamento, chiuso per decisione del presidente, entro e non oltre un mese. Saïed, da parte sua ha appena nominato un ministro dell’Interno, al posto di quello licenziato. «Il dialogo — ha ancora detto Ghannouchi in un’intervista — non c’è. Ma noi crediamo al dialogo nazionale». Il segretario di Stato statunitense Antony Blinken ha detto di aver parlato con Saïed ed ha spiegato: «Ci auguriamo vivamente che la Tunisia ritorni sulla via ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno