· Città del Vaticano ·

La legge sulle confische alle mafie compie 25 anni

Quando la libertà si può mangiare

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
29 luglio 2021
Cade un anniversario importante quest’anno: la legge n. 109 del 1996 (Disposizioni in materia di gestione e destinazione di beni sequestrati o confiscati) compie 25 anni. Essa prevede «il riutilizzo a fini sociali dei beni confiscai alle mafie, per impedire il loro recupero da parte delle organizzazioni criminali, per restituirli alla collettività rendendo concreto, effettivo ed evidente il ripristino della legalità e della dignità». Ciò avviene assegnando i patrimoni e le ricchezze di provenienza illecita a soggetti come associazioni, cooperative, comuni, province e regioni in grado di restituirli alla cittadinanza attraverso servizi, attività di promozione sociale e lavoro. Si tratta di una delle leggi che ancor oggi fa paura ai capi di Cosa Nostra, della camorra, della ‘ndrangheta, della ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno