· Città del Vaticano ·

L’appello alla pace dei leader religiosi

28 luglio 2021
Juba, 28. «Urge portare alla luce quanto accaduto negli anni tra le comunità di Zande e Balanda che ha creato disuguaglianza, paura, interesse, ingiustizie e mancanza dello stato di diritto a Tombura»: è l’appello che i cittadini di Yambio hanno rivolto alle autorità locali, in aggiunta all’invito dei leader religiosi a fermare il conflitto, definito “insensato”, che è in corso nello Stato sud sudanese dell’Equatoria occidentale, contea di Tombura. «Fermare il conflitto — scrivono i leader religiosi che esortano le autorità al governo ad essere responsabili davanti a Dio e agli uomini — e aprire la strada al dialogo e alla riconciliazione. Siate onesti nell’esercitare l’amministrazione del popolo di Dio. Pregate affinché l’amore, la pace e l’unità regnino nei cuori di ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno