· Città del Vaticano ·

LA BUONA NOTIZIA
Il Vangelo della XVIII Domenica del tempo ordinario (Giovanni, 6, 24-35)

Lo stupore di scoprirsi invitati

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
27 luglio 2021
Se è vero che la Parola non “si” legge ma “ci” legge, «discerne i sentimenti e i pensieri del cuore» (Eb 4, 12), questa pagina di Vangelo ci raggiunge per farci da specchio, perché possiamo vedere e riconoscere i nostri desideri, ciò che ci muove, le nostre attese e anche il nostro modo di cercarne la realizzazione. Sembra infatti di essere anche noi in quella folla che, seppur disposta ad affrontare il mare, si dirige alla ricerca di Gesù senza correre troppi rischi, senza esporsi veramente ad un incontro che potrebbe trasformare l’esistenza, saziandola di vita. Siamo noi gli indigenti, gli affamati — o forse i golosi — del Vangelo che si improvvisano esploratori ad una sola condizione: trovare ciò che attendiamo. Nessuna sorpresa; cerchiamo solo ciò che vogliamo trovare e che ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno