· Città del Vaticano ·

La tournée siciliana del giovane musicista palestinese Mohammad Alshaikh

Da Ramallah a Taormina: un ponte musicale di pace

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
27 luglio 2021
Un sogno che diventa realtà è quello di Mohammad Alshaikh, per gli amici Misha, diciottenne musulmano palestinese-russo di Ramallah. La sua passione è la musica e il pianoforte il suo strumento. Vive nei Territori dell’Autorità Palestinese, ma studia in Israele da quando ha dieci anni, presso l’Istituto Musicale Magnificat dei frati Minori della Custodia di Terra Santa. Sono la sua costanza e il suo amore per la musica, che gli permettono ogni giorno di attendere ore per attraversare il confine che separa casa sua da Gerusalemme. Per entrare in Israele ha bisogno di uno speciale permesso che non sempre riesce ad ottenere, e durante il periodo della pandemia è stato tutto più complicato. Mesi di lezioni in video con la docente Emma Spitkovsky, ebrea di origini russe che insegna al Magnificat dai ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno