· Città del Vaticano ·

«Yoga» di Emmanuel Carrère

Se vuoi far ridere Dio

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
23 luglio 2021
Sul volume pubblicato da Adelphi, che Yoga (2021, pagine 312, euro 20, traduzione di Lorenza Di Lella e Francesca Scala) sia un romanzo non c’è scritto. Del resto sarebbe difficile definire Emmanuel Carrère un autore di romanzi: la sua produzione spazia tra i generi, va dalla biografia di Philip Dick Io sono vivo, voi siete morti, al reportage A Calais, al romanzo biografico Limonov, con il quale ha raggiunto la piena affermazione letteraria, finendo con Il Regno. Ma, come sanno esegeti e lettori, non è facile affrontare un testo senza sapere se si tratta di una poesia, un trattato filosofico, un romanzo fantasy o una storia vera. Carrère ripete più volte che l’intenzione iniziale di Yoga era la scrittura di un «libretto arguto e accattivante» che spiegasse con leggerezza in cosa consista ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno