· Città del Vaticano ·

Una mostra e un libro su Renato Casaro

L’ultimo cartellonista del cinema

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
23 luglio 2021
Un affascinante viaggio in un pezzo di storia del cinema, una sorta di nostalgico percorso della memoria da compiere non attraverso fotogrammi, spezzoni di pellicole o foto di scena, ma con i manifesti dei film: quelli disegnati con tratto sicuro dalla mano esperta di Renato Casaro, al quale la sua città natale, Treviso, dedica fino al 31 dicembre una grande mostra. Divisa in tre diversi luoghi — il nuovo Museo nazionale collezione Salce, che per l’occasione apre nella ritrovata chiesa di Santa Margherita affiancando l’altra sede del medesimo museo al complesso di San Gaetano, e i Musei civici di Santa Caterina — la rassegna presenta il meglio delle innumerevoli opere realizzate dall’artista a partire dal 1955, anno del suo primo film Criminali contro il mondo. E lo fa attraverso trecento pezzi, molti dei quali in originale, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno