· Città del Vaticano ·

I fiumi «nani» hanno travolto l’Europa

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
23 luglio 2021
Non è bastato l’avviso di emergenza inviato dal sistema di allarme europeo per i rischi idrogeologici (Efas) al servizio meteorologico tedesco (Dwd) per prevenire il catastrofico impatto delle alluvioni che si sono abbattute sull’Europa centrale nel corso della scorsa settimana. Le precipitazioni hanno coinvolto inizialmente il Regno Unito lo scorso 12 luglio per poi spostarsi sull’Europa continentale nei giorni seguenti, fino a raggiungere la Croazia. Nelle 48 ore successive alla notte fra il 14 e il 15 luglio, diversi Paesi sono stati colpiti da rovesci d’acqua di proporzioni e intensità mai registrate prima, che hanno causato oltre 209 vittime e centinaia di dispersi. Le aree più colpite dalla calamità naturale sono state il Belgio orientale e i Länder tedeschi di Renania-Palatinato e Renania ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno