· Città del Vaticano ·

I cento anni degli universitari cattolici di Pax Romana

La verità è un albeggiare

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
22 luglio 2021
Friburgo (Svizzera), luglio 1921. Nasce lì, nel clima post-bellico e in un Paese neutrale, Pax Romana, l’associazione internazionale degli universitari cattolici, ponte per recuperare la fiducia tra Chiesa e mondo della cultura e reazione ai nazionalismi. Per la Fuci italiana ci lavorano soprattutto Giuseppe Spataro, di lì a poco ai vertici del Ppi, e Pier Giorgio Frassati. Per l’Italia, però, decisiva per il legame con la Santa Sede, è quasi subito tempo di grande prudenza. Un regime nazionalista non può essere sfidato frontalmente. Per questo la Fuci montiniana preferirà lavorare più di nascosto sull’apertura internazionale, non tanto con la partecipazione diretta, ma inviando attraverso Pax Romana in tutta Europa lo scritto del futuro Papa, Coscienza Universitaria, aprendo le proprie ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno