· Città del Vaticano ·

Santa Prassede

La spugna del sangue dei martiri

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
21 luglio 2021
Due sorelle, di sangue, ma soprattutto in Cristo: il nome di santa Prassede è inevitabilmente legato a quella di santa Pudenziana, entrambe figlie del senatore romano Pudente, vissuto nel i secolo d.C. — convertito, poi, al cristianesimo dall’apostolo Paolo — e morto per difendere la sua fede. Una famiglia, dunque, che nel martirio ha segnato la storia dei primi anni del cristianesimo. Sono anni in cui le donne, soprattutto, hanno offerto la loro vita per rendere testimonianza dell’Amore che si dona gratuitamente. Santa Prassede e santa Pudenziana, due figure così lontane nel tempo, eppure così vicine ai giorni d’oggi. Basterebbe pensare alle tante donne del mondo contemporaneo che nei Paesi travagliati dalle persecuzioni cristiane, vivono il dramma di non poter professare liberamente la loro fede. Sono donne — ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno