· Città del Vaticano ·

«Stazione missionaria» al confine tra Perú e Colombia sulla scia del Sinodo per l’Amazzonia

Uniti dal Río Putumayo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
20 luglio 2021
Sulla mappa si tratta solo di una linea blu che divide Colombia e Perú per più di mille chilometri. Eppure, il Río Putumayo, nel cuore della foresta amazzonica, «non ci separa, ma ci unisce»: con questa certezza i vicariati apostolici di Puerto Leguízamo-Solano, a nord della frontiera, e di San José del Amazonas, a sud, hanno ufficializzato quella che era già una realtà: un’équipe inter-vicariale, composta da missionari delle due Chiese locali, che lavora allo stesso tempo su entrambe le sponde del fiume con un progetto condiviso. «Un’esperienza inedita e rivoluzionaria — commenta don César Luis Caro Puértolas, vicario delegato di San José del Amazonas — che risponde alla richiesta del Sinodo per l’Amazzonia di superare i confini e creare reti ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno