· Città del Vaticano ·

Ufficio oggetti smarriti

Pietà e false certezze

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
20 luglio 2021
«Life is in their hands - Death is on their minds!» (“La vita è nelle loro mani - La morte è nelle loro menti!”). Questa era la “Tagline” il sottotitolo di uno dei capolavori del cinema: La parola ai giurati di Sidney Lumet (1957) che vinse l’Orso d’oro al Festival di Berlino nel 1957. Il film altro non è che una formidabile idea dal cuore molto teatrale (la pellicola è pressoché interamente girata in una sola stanza) che, come ogni idea vincente, nasce da una storia semplice. Si tratta dell’avventura di una giuria convocata dal tribunale di New York, sono loro i dodici uomini, il cui compito è decretare o meno la colpevolezza di un giovane ragazzino minorenne accusato di aver ucciso il proprio padre con una coltellata dopo una lite. Dove si annida quel senso di “ombra” nel film? Nelle ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno