· Città del Vaticano ·

In dialogo con la mia macchia nera

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
20 luglio 2021
di Enrica Riera Cos’è un’ombra? È «la mia persona di fantasia. Colei che mi ha fatto capire meglio la diversità, che mi dà molto fastidio, ma anche grandi soddisfazioni; per me è una presenza che mi accompagnerà sempre: a volte, a sorpresa, potrà pure essermi d’aiuto». A offrirci questa definizione è Agnese Spotorno, autrice adolescente del libro autobiografico Ragazza Aspy. Come vorrei che il mondo ci capisse (Trento, Erickson, 2021, pagine 96, euro 12). Nel volume che la giovane ha scritto per raccontare se stessa e le sue esperienze, dialoga, dunque, con quella “macchia nera”, quella cosa che da quand’è nata la segue ovunque, cresce e cambia con lei, e altro non è che un bagaglio aggiuntivo alla propria esistenza. L’ombra per Agnese è lo ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno