· Città del Vaticano ·

Catastrofe climatica

Alluvione i segnali non colti

20 luglio 2021
Ancora in cerca di vivi e di morti fra le macerie della disastrosa alluvione nel cuore dell’Europa, ci si interroga sulle cause che hanno reclamato 196 vittime e centinaia di dispersi. Un bilancio che pare destinato a peggiorare per giorni, mano mano che i soccorritori raggiungono, in Germania e Belgio soprattutto, villaggi e zone isolate. Ma anche l’Olanda, per ragioni storiche più addestrata all’invadenza delle acque, ha pagato il prezzo della distruzione delle infrastrutture. I tre Paesi martoriati ora si rivolgono, ovviamente, alla solidarietà dell’Unione europea. E crescono le polemiche sui segnali di allerta, inascoltati per quattro giorni prima di quel giovedì scorso che ha colto la gente di sorpresa nelle case al cedere di dighe su affluenti, come l’Ahr nella Renania Palatinato che ha ucciso 117 persone. Un ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno