· Città del Vaticano ·

Software per lo spionaggio usato contro giornalisti e attivisti

19 luglio 2021
Roma , 19. Un software creato per offrire alle autorità militari, di polizia e di intelligence la capacità di seguire e intercettare terroristi e criminali sarebbe stato utilizzato in modo illegale da diversi governi in tutto il mondo per spiare migliaia di giornalisti, attivisti per i diritti umani, politici, autorità religiose, avvocati. La rivelazione è giunta ieri da alcune organizzazioni giornalistiche internazionali che hanno riunito gli sforzi in un consorzio chiamato Pegasus project, dal nome del software in questione. I governi che avrebbero utilizzato il programma in modo illegale sarebbero quelli di Ungheria, Azerbaigian, Bahrain, Kazakistan, Messico, Marocco, Ruanda, Arabia Saudita, India ed Emirati Arabi Uniti. Ruanda, Marocco e India e Ungheria hanno negato di aver usato il software per scopi ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno