· Città del Vaticano ·

Il dono della speranza in un libro di don Antonio Mazzi

Quella bambina ostinata

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
19 luglio 2021
«Questo è per me, oggi, la fede: dar credito a una promessa di vita infinita, perché ho finalmente capito che non posso fare a meno di sperare in essa. E la speranza è presente in me non per obbedienza al mio credo o alla mia Chiesa, ma perché sono uomo, ho dentro l’infinito e voglio la vita». In queste frasi è racchiuso tutto il significato dell’esistenza umana di don Antonio Mazzi, fondatore di «Exodus», che nelle pagine del suo libro La speranza è una bambina ostinata. Pensieri notturni di un sognatore centenario (Edizioni Piemme, Segrate, 2021, pagine 141, euro 16,90) fa un ritratto intenso e ricco di spunti riguardo a quella parola che «in un tempo di paura è un gesto rivoluzionario»: speranza. Una lunga confessione che si dipana foglio dopo foglio, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno