· Città del Vaticano ·

Il 27 luglio 1981 moriva il regista di «Vacanze romane» e «Ben-Hur»

Il mondo secondo Wyler

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
19 luglio 2021
William Wyler appartiene a quella strana ma non scarna categoria di artisti il cui successo va di pari passo con una generale sottovalutazione dei loro meriti. Il torto maggiore di questo grande regista è stata la sua fedeltà allo studio-system, che gli ha garantito i riconoscimenti elargiti dal gotha hollywoodiano – ben tre Oscar – ma ha finito anche per affibbiargli la nomea di soldato al servizio dei produttori, di solido ma sostanzialmente anonimo artigiano. Eppure, a osservare oggi la sua filmografia, si può notare non soltanto una media qualitativa davvero impressionante, ma anche scelte artistiche per l’epoca tutt’altro che scontate e in alcuni casi da autentico precursore, capaci di delineare i connotati di un personaggio multiforme che si è adattato alla catena di montaggio hollywoodiana senza farsi ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno