· Città del Vaticano ·

Comece e Cec all’Ue: l’uomo al centro della ripresa

19 luglio 2021
Bruxelles, 19. L’importanza di promuovere una ripresa, dopo la pandemia di covid-19, incentrata sull’uomo rafforzando nel contempo la resilienza contro le crisi future, anche attraverso una politica sanitaria dell’Ue più coordinata; l’invito a proteggere e a promuovere nelle società europee il diritto fondamentale alla libertà religiosa, che «in alcuni casi è stato messo in discussione durante la pandemia». È quanto una delegazione ecumenica della Commissione delle conferenze episcopali dell’Unione europea (Comece) e della Conferenza delle Chiese europee (Cec) ha affrontato nei giorni scorsi in un incontro online con Iztok Jarc, rappresentante permanente della Slovenia presso l’Unione europea. Slovenia che, com’è noto, è stata chiamata a guidare per un semestre, dal 1° ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno