· Città del Vaticano ·

Nuovo raccordo anulare

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
17 luglio 2021
Giulio, Marcopaolo, Luigi, Clarisse, Fabio, Thomas. Un rider, un danzatore, un venditore di libri usati, una migrante, un fotografo, un regista teatrale. Sei nomi, sei volti, sei racconti. Un tratto comune: Elena, la contact tracer conosciuta più di un mese fa, che ci ha aiutato a ripercorrere alcune storie di Roma. Alla base di ogni città ci sono piccole narrazioni. Scorci di persone comuni e semplici. Ma straordinarie. Essenziali. Perché, senza di loro, quella città non diventerebbe comunità. Avete presente il Grande Raccordo Anulare? Ecco, in queste settimane anche il filo narrativo di Elena ha circondato la città. Ha collegato la realtà all’immaginazione: i sei racconti di persone realmente esistenti al personaggio della contact tracer. Il filo della città ha unito nomi a ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno