· Città del Vaticano ·

La mostra a Trastevere sul fotografo Sandro Becchetti

Guardare sé stessi negli occhi di un altro

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
17 luglio 2021
«Arriva con la sera come un brigante. Lo incontri nei corridoi scuri dei giornali romani. Quadrato, massiccio si aggira con passi silenziosi come un grosso gatto scontroso. Ti saluta con una voce bassa, che esce dai lunghi capelli e dalla barbaccia grigia che gli incornicia il viso…». Così il collega Manlio Cammarata descriveva il fotografo Sandro Becchetti, il “gatto scontroso” che battendo le strade della sua “Melting Rome” dedicò decenni di appassionato lavoro alle storie e ai volti di chi incrociava sul proprio cammino. Una porzione delle sue opere in bianco e nero realizzate in vari decenni nella Città Eterna con l’aiuto delle sue inseparabili Pentax e Leica è in mostra fino al prossimo 5 settembre nel Museo in Trastevere. Romano, classe 1935, Becchetti si considerava “figlio culturale” di ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno