· Città del Vaticano ·

Usa: alla ricerca di un sistema più equo e inclusivo

16 luglio 2021
Nell’ottobre 2019, pochi mesi prima che la pandemia Covid-19 impattasse sul mondo intero con le conseguenze che tutti conosciamo, un comitato internazionale di esperti nel campo della sanità pubblicò un report chiamato Global Health Security Index. Il documento classificava i sistemi sanitari di tutti i Paesi, utilizzando come criterio proprio il loro livello di preparazione rispetto a un’improvvisa epidemia. In questa lista, gli Stati Uniti figuravano al primo posto. Meno di due anni dopo la pubblicazione del report, gli stessi Stati Uniti risultano il Paese che ha registrato il più alto numero al mondo di contagi (quasi 35 milioni) e di decessi (623.846) dovuti al covid-19. Lo scorso 14 luglio, l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha inoltre lanciato un allarme rispetto al recente aumento di nuovi ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati
Fino al 30 Settembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno