· Città del Vaticano ·

In un video il tentativo di speronamento di un’imbarcazione carica di migranti

Operazione di soccorso

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
02 luglio 2021

Si fa fatica a non considerarla una tentata strage. Per fortuna solo sfiorata. Le immagini girate da un aereo di Sea Watch sono agghiaccianti e mostrano il deliberato tentativo di fermare ad ogni costo una imbarcazione carica di migranti da parte di una motovedetta libica a 45 miglia da Lampedusa, 111 da Tripoli. L’equipaggio libico ha prima sparato cercando di colpire i motori della barca, incurante delle 63 persone a bordo, poi l’ha inseguita a lungo tentando di speronarla almeno un paio di volte.

Nemmeno la presenza del velivolo e i pressanti inviti via radio ad interrompere le manovre ha scoraggiato l’equipaggio della motovedetta. Il cui criminale comportamento, attraverso il video, ha fatto il giro del mondo.

In realtà non si tratta di un fatto nuovo. Era già accaduto ed era stato documentato. Ma per pochi episodi di cui si ha certezza, ci si chiede chissà quanti altri ce ne sono stati, e con quale esito.

La marina libica ha annunciato un’inchiesta interna sull’accaduto. Ed è la prima volta riguardo ad una “operazione di soccorso”. Entro il 15 luglio il parlamento italiano dovrebbe votare il rifinanziamento delle missioni in Libia, che prevede anche il sostegno alla Guardia costiera.