· Città del Vaticano ·

Ritratti

Stima e fiducia
di quattro Pontefici

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
30 giugno 2021

Il cardinale Corti, che da vero “Vangelo vivente” giungeva a dimenticare se stesso per servire in Dio tutti gli altri, ha goduto della stima e della fiducia di ben due Papi, poi saliti agli onori degli altari: Paolo vi e Giovanni Paolo ii . Riconoscenza e stima confermate anche da Benedetto xvi come ha riportato monsignor Georg Gänswein durante una telefonata risalente al 29 maggio 2020, nel corso della quale ha detto apertis verbis «del vescovo Corti Papa Benedetto ha sempre avuto grande stima», e da Papa Francesco, che con sua viva sorpresa l’ha persino elevato al rango di cardinale. Un onore giunto inaspettato per lui, che aveva sempre vissuto nell’umiltà e nella mansuetudine, santificando il quotidiano con piccoli gesti di delicatezza e di affetto, con attenzioni ai fratelli, al seminario, ai missionari, e con la capacità di svolgere il suo ministero con fedeltà e amore. Le sue parole incisive e ancora attuali testimoniano quanto sia stato un vero maestro dello spirito e un grande comunicatore, capace di esprimersi con la profondità del suo sguardo e con la limpidezza della sua parola, che risuonava cristallina nel silenzio del cuore. Per tutta la sua vita infatti ha coltivato l’interiorità e ha vissuto totalmente abbandonato alla Provvidenza di Dio, imparando e trasmettendo il valore del silenzio e della preghiera. L’esperienza del Dio d’amore per il vescovo Renato si traduceva nel servizio alla Chiesa di Novara con un’attenzione particolare ai giovani (quanti grazie a lui sono approdati a scelte decisive, che hanno cambiato la loro vita!), immerso in una carità operosa e instancabile.

di Roberto Cutaia
e Matteo Albergante