· Città del Vaticano ·

Forum promosso dal Dicastero per i laici, la famiglia e la vita

Nel sacramento
del matrimonio
una missione per le famiglie

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
17 giugno 2021

Le famiglie devono riscoprire che con il sacramento del matrimonio hanno ricevuto una missione da condividere con i pastori. Lo ha affermato il cardinale Kevin Joseph Farrell, prefetto del Dicastero per i laici, la famiglia e la vita, concludendo il forum online “A che punto siamo con Amoris laetitia? Strategie per l’applicazione dell’esortazione apostolica di Papa Francesco”, svoltosi dal 9 al 12 giugno, coinvolgendo i responsabili degli uffici per la pastorale familiare delle Conferenze episcopali, i movimenti e le associazioni familiari internazionali.

Intervenendo al termine dei lavori — una delle iniziative per l’anno speciale dedicato, da marzo 2021 a giugno 2022, alla “Famiglia Amoris laetitia” — il porporato ha spiegato che nella parrocchia, considerata la famiglia delle famiglie, vivono in armonia piccole comunità, movimenti ecclesiali e associazioni. Per questa sua natura, essa può offrire un grande contributo alla pastorale familiare.

Il prefetto ha anche fatto notare che occorre una formazione più specifica per sacerdoti, diaconi, religiosi, catechisti e altri operatori della pastorale, e ha sottolineato che serve una maggiore presenza dei laici nei percorsi formativi. Infatti, la formazione delle persone che accompagnano le coppie nella preparazione al matrimonio deve essere una priorità. In particolare, i coniugi che si dedicano a questa attività devono creare una catena di formatori per avviare iniziative che si estendano a più famiglie in crescita.

Il cardinale ha poi rimarcato che la pastorale familiare deve essere fondamentalmente missionaria per poter arrivare alle persone nei luoghi e nelle situazioni in cui si trovano. Una particolare attenzione deve essere riservata alle famiglie in crisi coniugale o in altre situazioni di difficoltà e una cura pastorale va rivolta a quanti sono separati, divorziati o abbandonati e alle famiglie lontane dalla Chiesa. Prestando particolare riguardo a bambini, disabili e anziani.

Infine Farrell ha raccolto la richiesta dei partecipanti di proseguire nel lavoro comune grazie a una rete di relazione tra Santa Sede e Conferenze episcopali, movimenti e associazioni in uno spirito di autentica comunione e stima reciproca.

L’incontro si era aperto, mercoledì 9 giugno, con il videomessaggio di Papa Francesco nel quale chiedeva di coinvolgere di più i fedeli laici e in particolare le coppie nella pastorale, per costruire insieme il tessuto ecclesiale. Nell’ultima giornata del webinar, per la prima volta, tutti i delegati di pastorale familiare a livello di Conferenze episcopali nazionali e regionali, e di movimenti e associazioni internazionali, si sono riuniti con i responsabili del Dicastero per celebrare il quinto anniversario della esortazione apostolica sull’amore nella famiglia. Moderata da padre Alexandre Awi Mello, segretario del Dicastero, la sessione è stata articolata in due momenti. Il primo, sul tema “La fragilità delle famiglie”, è stato aperta dalla relazione dell’arcivescovo argentino Victor Fernández, su “Accompagnare, discernere e integrare la fragilità”. È seguito un dibattito, dal quale è emerso il desiderio di condividere le buone pratiche e le testimonianze che aiutano a prevenire i diversi tipi di difficoltà nelle famiglie e di curare le ferite aperte. Sono state anche rilanciate le diverse iniziative programmate per l’Anno “Famiglia Amoris laetitia”, a cominciare dalla prima Giornata mondiale dei nonni e degli anziani, istituita il 31 gennaio da Papa Francesco, che sarà celebrata domenica 25 luglio, il cui cuore sarà l’incontro tra nonni e nipoti, tra le diverse generazioni. A causa della pandemia da covid-19, in varie aree geografiche il perdurare dell’emergenza sanitaria impedirà agli anziani di partecipare. Per questo motivo i giovani sono invitati ad andare a trovarli, se le condizioni lo permettono, oppure a incontrarli tramite i social o via web.

di Nicola Gori