· Città del Vaticano ·

L’arcivescovo Gallagher all’assemblea generale dell’Onu

Sradicare la piaga
della corruzione

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
05 giugno 2021

«Se vogliamo garantire l’accesso alla giustizia per tutti e costruire istituzioni efficaci, responsabili e inclusive a tutti i livelli, dobbiamo affrontare e sradicare la corruzione». È quanto ha detto l’arcivescovo Paul Richard Gallagher, segretario per i Rapporti con gli Stati, nel corso della sessione speciale dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite su «Sfide e misure per prevenire e combattere la corruzione e rafforzare la cooperazione internazionale».

Il presule ha ribadito che è necessario promuovere una più ampia «cultura dell’integrità», sottolineando che lo stato di diritto e la prevenzione della criminalità devono andare di pari passo: «La prevenzione della corruzione è strettamente connessa con il rispetto e la protezione dei diritti umani universali, sia a livello nazionale che internazionale» e a tale fine, secondo il segretario per i Rapporti con gli Stati, «è necessario rafforzare ulteriormente la cooperazione internazionale per combattere i flussi finanziari illeciti e ampliare i meccanismi internazionali esistenti per il recupero dei beni e il perseguimento penale». Così, secondo monsignor Gallagher, si combatte l’impunità e si privano le organizzazioni criminali di qualsiasi guadagno illecito attraverso l’identificazione, la ricerca, il sequestro, la confisca, il recupero e la restituzione dei proventi del reato.

«La Santa Sede — ha ricordato — ha aderito alla Convenzione delle Nazioni Unite contro la corruzione nel 2016, con l’intenzione di contribuire e dare il proprio sostegno morale alla prevenzione, repressione e perseguimento globale di tale crimine che mette a rischio la dignità umana e la pace».

Monsignor Gallagher ha, inoltre, ricordato le recenti disposizioni emanate da Papa Francesco volte a favorire la trasparenza, il controllo e la concorrenza nelle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici, a migliorare la comunicazione finanziaria di potenziali conflitti di interesse. Per l’arcivescovo, l’incontro ha offerto un’opportunità unica per far progredire gli sforzi di tutti gli Stati e per condividere le migliori pratiche per arginare la piaga della corruzione.

di Davide Dionisi