· Città del Vaticano ·

Dal Papa una delegazione di Firenze nel VII centenario della morte di Dante

Un poliedro come immagine della Chiesa

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
04 giugno 2021

Papa Francesco ha ricevuto questa mattina, venerdì 4 giugno, nella Biblioteca privata, una rappresentanza della comunità ecclesiale e della città di Firenze. Guidata dal cardinale arcivescovo Giuseppe Betori, la delegazione — di cui faceva parte anche il sindaco Dario Nardella —ha voluto rendere omaggio al Pontefice in occasione del vii centenario della morte di Dante Alighieri. Tra i doni offerti, una copia della pubblicazione della Divina Commedia illustrata dall’artista Mimmo Paladino — presente all’incontro — e una delle tavole originali da lui preparate per il Messale Romano edito dalle Conferenza episcopale italiana.

Il vescovo di Roma ha benedetto il monogramma di Cristo donato al capoluogo toscano da Paolo vi nel 1965, nel vii centenario della nascita del sommo poeta. Il monogramma venne collocato dall’Opera di Santa Maria del Fiore nel battistero in cui Dante venne battezzato, e l’arcidiocesi fiorentina lo cinse di una corona formata da foglie di alloro in argento.

Inoltre l’Opera medicea laurenziana ha offerto a Papa Francesco un modellino riproducente il poliedro che Michelangelo Buonarroti collocò alla sommità della cupola della sagrestia nuova, nella cui cappella sono conservate le spoglie di alcuni esponenti della famiglia Medici. Il dono vuole simboleggiare il richiamo del Pontefice alla forma geometrica del poliedro che meglio rappresenta la natura della Chiesa e della società.