· Città del Vaticano ·

#CantiereGiovani
Il progetto «Lascia la tua Impronta»

Perfetti conosciuti

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
31 maggio 2021

Undici ragazzi che vivono nella stessa casa salesiana è possibile? Ecco a voi Lascia la tua impronta, un progetto di vita comunitaria che dal 2013 ha preso piede all’interno della Casa del Sacro Cuore a Roma. Questo progetto propone a ogni giovane di vivere un’esperienza alla riscoperta dell’essenzialità e della profondità della fede; ma soprattutto della fraternità condivisa e del servizio insieme ad altri giovani che da perfetti sconosciuti diventano fratelli. Ed è proprio così, quest’anno le nostre vite si sono intrecciate e da lì è nato un capolavoro per ciascuno di noi.

Siamo 6 ragazze e 5 ragazzi con un’età compresa tra i 19 e i 28 anni. Viviamo in due appartamenti divisi, uno denominato Casa Ragazze e uno Casa Ragazzi; all’interno di essi ognuno di noi ha il proprio letto, il proprio armadio e la propria scrivania. Oltre a questo, abbiamo tanti spazi in comune per poter studiare, dedicarci alla preghiera e condividere dei momenti insieme. La nostra cucina è la cucina del Centro Giovanile: è la cucina di tutti i giovani che passano per il Sacro Cuore e proprio per questo è il luogo che per noi simboleggia più di tutto la caratteristica di accoglienza che contraddistingue questa Casa.

La cucina è il nostro punto di ritrovo, il tavolo, che ci unisce nei momenti dei pasti, ci fa sentire famiglia: ci raccontiamo come è andata la giornata tra le varie esperienze universitarie, di lavoro e di servizio.

I cardini dell’esperienza sono proprio questi: avere uno sguardo aperto sul servizio e sulla condivisione, portando avanti le nostre occupazioni quotidiane. Tutti noi continuiamo il nostro percorso universitario e tra di noi c’è anche una maestra di scuola elementare che riesce con molta naturalezza a conciliare lavoro, vita comune e servizio.

La Casa del Sacro Cuore può definirsi un posto “strategico”, in quanto vicino alla stazione Termini in media passano circa 800.000 persone al giorno, questo ci dà la possibilità di rivolgere il nostro sguardo e aprire i nostri cuori verso tante povertà; ad esempio, il venerdì sera svolgiamo un servizio chiamato Banca dei Talenti rivolto ai fratelli che si trovano per strada senza la possibilità di avere un pasto, il servizio si concretizza in due fasi: la prima è quella della preparazione di panini, di vario cibo e di tè caldo; mentre la fase successiva non si limita esclusivamente alla distribuzione di ciò che è stato preparato ma offre anche la possibilità di fermarsi con i senza fissa dimora che si incontrano per una chiacchierata e un po’ di compagnia. Come comunità, noi ragazzi di «Lascia la tua Impronta», cerchiamo anche di uscire durante la settimana, quando ci è possibile, per poter portare qualcosa da bere o da mangiare ai senza fissa dimora che vivono nei pressi della Stazione, che ormai per noi sono dei veri e propri amici.

Un’altra opportunità di servizio è quella rivolta ai giovani rifugiati che raggiungono la nostra Casa accompagnati da un forte desiderio di studiare e di lavorare, cerchiamo quindi nel nostro piccolo di compilare insieme a loro il curriculum, di svolgere una ricerca lavoro o di proporgli di studiare presso le nostre classi di italiano.

I giovani sanno sempre di poter trovare le porte della Sala Giovani del Sacro Cuore aperte a loro attraverso la disponibilità di noi ragazzi di casa, di tanti giovani volontari, dei salesiani e delle Missionarie di Cristo Risorto, che compiono il proprio apostolato all’interno della Casa dal 2009. La loro passione è quella di andare incontro ai giovani e ai poveri, uscendo dalle proprie mura, dai propri pregiudizi e dai propri schemi mentali per fare esperienza di Resurrezione.

L’aiuto e il supporto da parte delle Missionarie di Cristo Risorto e dei Salesiani è per noi di estrema importanza, ci guidano nel nostro cammino di fede, nella nostra crescita personale e nella nostra vita comunitaria. La loro presenza è una testimonianza bellissima che ci fa comprendere quanto sia importante donarsi all’altro. È proprio vero che non esiste un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici (Giovanni 15, 13).

di Silvia Efficace