· Città del Vaticano ·

PER LA CURA DELLA CASA COMUNE

Sette anni
di iniziative concrete

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
25 maggio 2021

Il cardinale Peter Turkson ha presentato il contesto della creazione della Piattaforma d'Azione Laudato si’, cioè la gravità della crisi della nostra Casa comune e l’urgenza di rispondere ad essa. Questo rappresenta il “perché” della Lsap (Laudato si’ Action Platform).

Tocca a me soffermarmi sul “cosa” e sul “come” della Lsap .

Prima di tutto, cos’è la Piattaforma d’Azione Laudato si’? È un viaggio per realizzare la visione ecologica integrale della Laudato si’. Come ci ricorda Papa Francesco nell’enciclica, «siamo tutti interconnessi e interdipendenti» e «i talenti e il coinvolgimento di tutti sono necessari per rimediare al danno causato dall’abuso umano della creazione di Dio» (Laudato si’, 14). L’ecologia integrale richiede di camminare insieme in questa missione. Al fine di riunire le persone per prendersi cura della nostra casa comune, abbiamo identificato sette settori chiave: Famiglie, Parrocchie e Diocesi, Scuole e Università, Ospedali e Centri di Cura, Economia (Lavoratori e Imprese, Fattorie e Cooperative), Gruppi, Movimenti e Organizzazioni, infine Ordini Religiosi.

Lsap è un viaggio verso la sostenibilità totale nello spirito dell’ecologia integrale. Per assicurarci di rimanere fedeli alla visione ecologica integrale della Laudato si’, proponiamo sette obiettivi della Laudato si’, cioè la Risposta al grido della Terra, la Risposta al grido dei Poveri, l'Economia ecologica, l'Adozione di stili di vita semplici, l'Educazione ecologica, la Spiritualità ecologica, il Coinvolgimento della comunità e l'azione partecipativa.

È un viaggio da realizzare nel tempo. Ispirandoci al tema biblico del Giubileo abbiamo scelto un periodo di sette anni. Prevediamo che il primo anno sia dedicato ai tre compiti fondamentali della costruzione della comunità, della condivisione delle risorse e dell’elaborazione di piani d’azione concreti per la realizzazione dei sette obiettivi della Laudato si’. Questo sarà seguito da cinque anni di azioni concrete (alcuni potrebbero finire questa parte del viaggio anche più velocemente). L’ultimo anno sarà l’anno sabbatico per lodare e ringraziare Dio.

In secondo luogo, come possiamo realizzare la Piattaforma d'Azione della Laudato si’? Possiamo realizzarla solo attraverso la collaborazione, percorrendo il cammino "sinodale" che Papa Francesco sta proponendo a tutta la Chiesa. Stiamo lavorando sulla Lsap da circa due anni, e c’è un “comitato direttivo” ad hoc che guida questo processo. È guidato dal Dicastero, ma in collaborazione con la Caritas internationalis, il Global catholic climate movement, l’Unione dei superiori religiosi e religiose di Roma (Usg e Uisg ), Cidse - la rete delle ong cattoliche, Reti ecclesiali: Repam e Remam nelle Americhe, Rebac in Africa, Raoen in Asia, reti giovanili: Cynesa, Eco-Jesuit, Don Bosco Green Alliance e Living Laudato si’ Philippines, e i leader dei gruppi di lavoro settoriali.

Il partenariato è particolarmente evidente nei gruppi di lavoro che guidano ciascuno dei sette settori: il settore Famiglie è guidato dal Movimento dei Focolari insieme a diversi altri co-leader, il settore Parrocchie e Diocesi è guidato da Cafod insieme alle Conferenze episcopali e altri partner, il settore Scuole è guidato dalla Don Bosco Green Alliance e Scholas Occurrentes insieme ad altri co-leader, il settore Università è guidato dai gesuiti insieme a diverse altre reti di università, il settore degli ospedali è guidato dalla Catholic Health Association of India (C hai ) e dalla Catholic Health Association US insieme ad altri co-leader, il settore dell'economia è guidato da Economia di Francesco e Laudato si’ Challenge insieme a molti altri, i gruppi e movimenti dalla Cidse insieme a Wucwo , Vis , e i settori religiosi da Usg e Uisg . Questi gruppi di lavoro riuniscono partner da tutto il mondo nei loro rispettivi settori. Si tratta davvero di un viaggio in partenariato mentre rispondiamo all'invito di Papa Francesco ad entrare in un dialogo in azione «su come stiamo modellando il futuro del nostro pianeta» ( Ls 13). In questo modo, rispondiamo anche al costante invito del Papa a «preparare insieme il futuro» nel contesto dell’attuale pandemia.

Per concludere, vorrei menzionare che la nostra preghiera e il nostro sogno è quello di avviare «un movimento popolare dal basso» che possa davvero portare il cambiamento radicale necessario data l’urgenza della crisi della nostra casa comune.

Per questo, il Lsap sarà un viaggio di crescita esponenziale. Il primo gruppo di coloro che desiderano aderire al Lsap avrà tempo da oggi al 4 ottobre, festa di san Francesco d’Assisi, per iscriversi al programma. Speriamo che l’anno prossimo un gruppo più grande possa iniziare il suo viaggio di sette anni, l’anno successivo un altro gruppo ancora più grande e così via. In questo modo, speriamo di creare la massa critica necessaria per la trasformazione della società. I sociologi ci dicono che la massa critica iniziale necessaria per dare il via a una tale trasformazione è solo il 3,5% di una comunità.

Abbiamo anche prodotto un sito web in nove lingue per la Lsap , a cui si può accedere attraverso il nuovo sito web della Laudato si’ (www.laudatosi.va) che è stato creato alla fine dell’Anno della Laudato si’.

di Joshtrom Kureethadam
Coordinatore Settore ecologia e creato, Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale