· Città del Vaticano ·

Papa Francesco fra noi per i 160 anni de «L’Osservatore Romano» e i 90 della Radio Vaticana

Con coraggio andate incontro alla gente

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
24 maggio 2021

Lasciarsi sorprendere fino a farsi “schiaffare” — un neologismo assai efficace — dalla realtà quotidiana: è il consiglio pratico suggerito da Papa Francesco alle donne e agli uomini del suo giornale, «L’Osservatore Romano», che lunedì mattina, 24 maggio, ha incontrato nella redazione al secondo piano di Palazzo Pio, dopo il trasferimento avvenuto sei mesi fa.

L’occasione per la visita è stata la celebrazione dei 160 anni del quotidiano e dei 90 anni di Radio vaticana.

Il Pontefice è arrivato, in auto, alle 8.50. Ad accompagnarlo monsignor Leonardo Sapienza, reggente della Prefettura della Casa pontificia. Lo ha accolto il prefetto del Dicastero per la comunicazione, Paolo Ruffini, con il segretario monsignor Lucio Adrián Ruiz.

Nell’atrio del Palazzo il Papa ha salutato i direttori del Dicastero. In ascensore ha quindi raggiunto il secondo piano dove ha salutato la direzione editoriale: il direttore Andrea Tornielli con i vice direttori Sergio Centofanti e Alessandro Gisotti.

Francesco ha poi visitato la redazione dell’Osservatore, accompagnato dal direttore Andrea Monda. Nella sala delle riunioni il direttore e il redattore capo Piero Di Domenticantonio gli hanno presentato la vita quotidiana del giornale. A Francesco è stata donata la riproduzione della prima pagina dell’edizione che porta la sua data di nascita (giovedì 17 dicembre 1936).

Il direttore gli ha mostrato anche il primo numero della testata (1° luglio 1861), l’edizione con l’enciclica Fratelli tutti (4 ottobre 2020) che ha segnato la ripresa della pubblicazione su carta — Francesco l’ha firmata — e una significativa pagina dell’edizione del centenario (1961) con l’articolo del gesuita Francesco Pellegrino (La penna e il microfono) dedicato proprio al rapporto tra i due “festeggiati”: L’Osservatore e la Radio Vaticana.

I responsabili delle edizioni nelle diverse lingue, a loro volta, hanno presentato al Papa alcuni numeri. Tra questi, in particolare, una copia dell’edizione settimanale in lingua malalayam, che in India è tradotta dai carmelitani e distribuita capillarmente con un furgoncino — a Francesco ne è stata mostrata anche la foto — e dell’edizione spagnola (agosto 2017) dedicata al centenario della nascita di monsignor Óscar Romero, diffusa, in mezzo milione di copie, in tutta l’America latina.

Il direttore ha mostrato al Papa anche l’ultimo numero del mensile «Donne Chiesa Mondo». Il  Pontefice ha detto di apprezzare  la rivista per i contenuti sempre «molto interessanti», come proprio quelli dell’ultimo numero sulle “donne fuori sistema”.

Successivamente nella cappella dedicata all’Annunciazione, che si trova proprio nel mezzo della redazione dell’Osservatore, il Papa ha recitato la preghiera per la 55ª Giornata mondiale delle comunicazioni sociali («“Vieni e vedi” - Giovanni 1, 46 - Comunicare incontrando le persone dove e come sono») insieme ai rappresentanti di alcuni uffici del Dicastero. Il Pontefice ha poi guidato la recita dell’Ave Maria.

Salito in ascensore al quarto piano, Francesco è stato accolto calorosamente dai giornalisti di Radio Vaticana - Vatican News. Non sono mancati scambi di battute, doni significativi, parole e strette di mano di incoraggiamento.

Nella Regia 9 di Radio Vaticana ha rivolto un saluto, in diretta, agli ascoltatori del canale italiano della Radio Vaticana. Ai microfoni c’erano Massimiliano Menichetti, responsabile della testata Radio Vaticana - Vatican News, e Luca Collodi, responsabile del canale italiano della “Radio del Papa”.

Il Pontefice è poi sceso al primo piano per salutare alcuni dipendenti nell’Open space (Sala Francesco Saverio), il punto di riferimento della Direzione tecnologica del Dicastero.

La visita del Papa si è conclusa con l’incontro, nella Sala Marconi, con i rappresentanti dei programmi nelle diverse lingue. A presentarli è stato il prefetto Ruffini.

Alle 9.50 Francesco ha fatto rientro, in auto, in Vaticano.