· Città del Vaticano ·

Agli «Stati generali della natalità» il grido d’allarme del Papa sulle conseguenze dell’inverno demografico e l’invito a rimettere in moto l’Italia a partire dalla vita

Senza figli non c’è futuro

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
14 maggio 2021

Se «vogliamo rivedere la luce dopo il lungo inverno» demografico che sta mettendo in ginocchio l’Italia, occorrono «politiche familiari di ampio respiro, lungimiranti: non basate sulla ricerca del consenso immediato, ma sulla crescita del bene comune a lungo termine». È il forte appello lanciato da Papa Francesco di fronte al presidente del Consiglio dei ministri e alle personalità politiche e civili del Paese che hanno preso parte stamane all’apertura della prima edizione degli «Stati generali della natalità». Un appuntamento che ha offerto al Pontefice l’occasione per rinnovare l’appello a «invertire la tendenza» e a «rimettere in moto l’Italia a partire dalla vita», realizzando solide e stabili «strutture di sostegno alle famiglie e di aiuto alle nascite».

Il discorso del Papa