· Città del Vaticano ·

All’udienza generale

La Chiesa casa di preghiera

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
14 aprile 2021

«La Chiesa, che è casa e scuola di comunione, è casa e scuola di fede e di preghiera»: lo ha sottolineato il Papa all’udienza generale di mercoledì 14 aprile, svoltasi ancora senza la presenza di fedeli nella Biblioteca privata del Palazzo apostolico vaticano, a motivo delle misure di contrasto della pandemia da covid-19. Proseguendo il ciclo di catechesi sull’orazione, Francesco ha approfondito il tema «La Chiesa maestra di preghiera». E nel ricordare che «la vita di una parrocchia e di ogni comunità cristiana è scandita dai tempi della liturgia» e dell’orazione comunitaria, ha ribadito che la preghiera «apre la porta allo Spirito Santo, che è quello che ispira per andare avanti». Per questo, ha insistito, «i cambiamenti nella Chiesa senza preghiera non sono cambiamenti di Chiesa, sono cambiamenti di gruppo». Da qui il monito nei confronti di quegli “imprenditori della fede” che puntano sull’efficienza organizzativa e sulla beneficenza ma non seguono l’invito di Gesù a «pregare con perseveranza, senza stancarsi».

L'udienza generale